Vai al sito Press Tours | Accesso riservato area agenzie

Gli amici di Crociera Mia ci hanno segnalato questo articolo che pubblichiamo con piacere. Abbiamo capito che la marca da bollo sui passaporti è una questione che suscita problemi e indecisioni notevoli nei passeggeri. Diciamolo con franchezza, a riguardo in rete si trovano informazioni molto diverse e spesso in contrasto.
Possiamo quindi dire (con falsa modestia…) di dare seguito a una serie di DOMANDE/RISPOSTE molto precise, ottenute con decine e decine di commenti ed email che sono pervenute alla nostra redazione, nonchè una “chicca” ottenuta a seguito di un colloquio con un responsabile della Guardia di finanza dell’Aeroporto di Milano Linate.

Leggete le domande poste ad un Ispettore della Guardia di Finanza all’Aeroporto di Milano Linate per chiarire i dubbi sulla marca da bollo.

Domanda: Se la mia marca da bollo non è in regola o assente, possono impedirmi l’imbarco?
Risposta: No. Nessun organo di polizia può impedire l’imbarco e la partenza di un passeggero con valido e regolare passaporto italiano. L’assenza della marca da bollo provoca una mancanza che viene sanzionata con verbale direttamente in aeroporto, ma l’imbarco non può essere impedito poichè il passaporto è comunque valido fino alla data di naturale scadenza.
Domanda: Farò un viaggio all’interno della Comunità Europea. Serve la Marca da Bollo?
Risposta: No. Posto che basterebbe la Carta di Identità valida per l’espatrio, se non se ne potesse disporre allora il Passaporto può non avere la marca da bollo, che è indispensabile solo per viaggi al di fuori della Comunità Europea.
Domanda: Sul mio passaporto ho applicato due (o uno, o tre…) anni fa una marca da bollo, ma non mi è mai stata validata, nè dalla Questura nè dalla Polizia Doganale. E’ ancora valida?
Risposta: Si. La marca da bollo per essere valida deve essere annullata (con timbro e data) dagli organi competenti. Quindi, se ne ha la possibilità, bisogna farla validare da tali organismi competenti prima di partire. Fintanto che la marca rimane intonsa, è valida.
Domanda: Posso applicare due o più marche da bollo la cui somma sia uguale o superiore ai 40,29€ richiesti?
Risposta: No. La marca per passaporti deve essere unica e deve riportare la dicitura “Conc. Governative/Passaporto”.
Domanda: Sono italiano, ma risiedo all’estero e devo viaggiare al di fuori del mio attuale paese di residenza però senza transitare dall’Italia, serve la Marca da Bollo?
Risposta: No. La marca per passaporti è una imposta che all’estero non viene considerata dagli organi di polizia stranieri poiché è fuori dalle loro competenze nazionali.

Pubblicato il 2 luglio 2010 alle 09:15di Giovanni Frenda

Categorie: Notizie | Tag: Tags: , ,

2 commenti

  1. andrea pennesi ha detto:

    ho il passaporto emesso il 10 NOVEMBRE 2007 , il primo viaggio extra U.E l’ ho fatto il 4 APRILE 2008 e quindi ancora in regola con la MRCA DA BOLLO , il 21 aprile partirò da FIUMICINO con destinazione CARACAS , devo applicare la MRCA DA BOLLO , che sanzioni si rischiano ? a FIUMICINO effettuano controlli ?

  2. Giovanni Frenda ha detto:

    Buona sera Andrea, deve applicare la marca da bollo, il passaporto viene controllato sempre, alle volte la polizia si scorda di controllare la marca da bollo. Buon viaggio

Lascia un commento