Vai al sito Press Tours | Accesso riservato area agenzie

Salvador de Bahia (Brasile) - Foto Archivio Press Tours (http://www.presstours.it)

Salvador de Bahia (Brasile) – Foto Archivio Press Tours (http://www.presstours.it)

Conclusa la celebrazione della Santa Messa, una processione di migliaia di devoti vestiti di bianco sfilerà in processione – a piedi o su carri addobbati trainati da cavalli – dalle ore 10 del secondo Giovedì dopo l’Epifania, il 13 gennaio 2011, dalla Basilica di Nossa Senhora da Conceição da Praia, nel centro di Salvador di Bahia, sulla costa nord-est del Brasile). Percorreranno 8 km per giungere, in poco più di un’ora, al colle di Bonfim accompagnando le donne di Bahia agghindate con collane di perline colorate e grandi orecchini a cerchio, un turbante (avvolto sul capo nell’antico stile Bahiano) e la lunga ampia gonna, entrambi di colore bianco sacro al culto di Oxalá (in portoghese) – padre degli dei Orisha e creatore del genere umano secondo i brasiliani africani seguaci del Candomblé – al quale renderanno omaggio con offerte. Contemporaneamente porteranno brocche e vasi bianchi colmi di acqua profumata e di fiori per il rituale ‘Lavaggio del Bonfim’, cioè dei gradini delle scale fino al sagrato della Chiesa barocca del Santo Patrono Nosso Senhor do Bonfim, ballando e cantando in lingua africana yoruba. L’acqua verrà versata sulle mani e sul capo di tutti coloro che si affolleranno per ricevere la benedizione di purificazione del corpo e dell’anima tra lanci di fiori, applausi e canti per il Senhor do Bonfim. I devoti continueranno a raggiungere la Chiesa a piedi anche dopo la conclusione del rito religioso del ‘Lavagem do Bonfim‘, che a Salvador da Bahia – una delle città più antiche in Brasile e nel Nuovo Mondo – rappresenta il massimo esempio storico di religione sincretica afroamericana riunendo i seguaci del Cattolicesimo e delle credenze dell’Umbanda e del Candoblé, patrimonio culturale e religioso portoghese e africano, nella fede professata dai salvadoriani per il loro Santo Patrono. Dalla fine della costruzione della Chiesa nel 1754, sono attribuiti poteri miracolosi al Signore del Bonfim – il cui Crocefisso era stato condotto per voto da Setúbal (Portogallo) a Salvador, nel 1745, da un ufficiale della marina – diventato oggetto di devozione popolare e di pellegrinaggio mistico e sincretico durante il periodo coloniale che aveva introdotto in Brasile l’antica tradizione portoghese.

La festa tradizionale annuale proseguirà intorno alla Chiesa fino a notte. Nel quartiere di Bonfim risuoneranno i ritmi a percussione che hanno origine dalla maggiore diaspora africana nel mondo, musiche e danze di capoeira e di samba, tra bancarelle di vendita di bevande e delle tipiche popolari acarajés, frittelle di un impasto di fagioli dall’occhio nero, gamberetti e cipolle. Uno spaccato di folclore brasiliano davvero suggestivo e coinvolgente che Press Tours vi consiglia.

Lavagem do Bonfim 2010.
Photo Lavagem do Bonfim 2010. by Fotos Gov/Ba, on Flickr | (CC BY 3.0)

Pubblicato il 3 gennaio 2011 alle 11:41di Antonella

Categorie: Destinazioni | Tag: Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

3 commenti

Lascia un commento