Vai al sito Press Tours | Accesso riservato area agenzie

Yellowstone National Park (Usa) - Foto Archivio Press Tours (http://www.presstours.it)

Yellowstone National Park (Usa) – Foto Archivio Press Tours (http://www.presstours.it)

Visitato da almeno 2 milioni di turisti all’anno a partire dalla metà degli anni ’60, la fama del patrimonio naturale del Yellowstone National Park – il parco nazionale più antico (1872), Patrimonio dell’Umanità dichiarato dall’UNESCO (1978) – travalica gli Stati Uniti, nell’area all’estremità nord-occidentale dello Stato del Wyoming (96%) sconfinando, per un breve tratto, negli Stati del Montana (3%), dell’Idaho (1%), e in una vasta zona delle Montagne Rocciose estendendosi per 8.980 km² presso le sorgenti del fiume da cui prende il nome su 1.600 km di sentieri e di mulattiere sugli altipiani (altitudine media di 2.400 m.s.l.m.). Caratteristica che incanta è la straordinaria interazione tra processi vulcanici, idrotermali e glaciali. I geyser in eruzione – oltre 300, i due terzi esistenti al mondo – alzano getti d’acqua e vapore fino a 50 metri di altezza a intervalli regolari, come il Steamboat Geyser, il più grande attivo al mondo, nel Norris Geyser Basin, ma anche l’Old Faithful (40 m), il Castle Geyser, il Lion Geyser, il Beehive Geyser nel bacino dell’Upper Geyser Basin. Le sorgenti bollenti (200° C), ricche di minerali, fuoriescono in superficie creando coni e terrazzi, come l’impressionante Mammoth Hot Springs con depositi che arrivano a 90 metri. Le zone dall’evidente attività geotermica – almeno 10mila fenomeni naturali, la metà di quella sul pianeta – determinata dalla crosta terrestre particolarmente sottile che caratterizza il parco, alimentate dall’attività vulcanica in corso, comprendono formazioni rocciose come vulcani di fanghiglia ammucchiata, oltre a cascate altissime come le Tower Falls (40 m), il Golden Gate Canyon e la colata lavica di ossidiana dell’Obsidian Cliff (50 m). Sulla caldera (depressione vulcanica) di Yellowstone di questo ‘supervulcano‘ di maggiori dimensioni sul continente americano, il lago omonimo – uno dei maggiori tra quelli ad alta quota in Nord America – è alimentato dal fiume che porta lo stesso nome: è il più lungo tra i diversi corsi d’acqua della zona, attraversa tutto il parco da sud a nord, si getta nel lago, poi in un profondo canyon e crea due magnifiche cascate. A prevalenza di bosco subalpino, situato al centro del maggiore insieme di ecosistemi rimasti intatti nella zona temperata settentrionale della Terra, il Yellowstone National Park colpisce per la vista panoramica della diversità dei paesaggi selvaggi – foreste, praterie, catene montuose, laghi, canyon (famose le rocce gialle nel Grand Canyon), fiumi – di bellezza incontaminata, habitat di una grande varietà di flora (1.600 specie di alberi e piante) e fauna (grizzly, orsi bruni, mandrie di bisonti, alci, puma, linci, branchi di lupi, sciacalli, marmotte, aquile, falchi, ecc.) comprendente centinaia di specie di mammiferi, uccelli, pesci e rettili anche rare e a rischio di estinzione. Immersi nella natura, segnala Press Tours, i turisti possono divertirsi con numerose opzioni ricreative, come trekking, nautica, pesca, campeggio e, d’inverno, in motoslitta o in tour in pullman tra la neve. Dopo l’accesso nel parco da 5 ingressi diversi, le strade asfaltate (500 km) conducono agevolmente alle più note aree geotermiche, a un certo numero di laghi e cascate.

Pubblicato il 31 marzo 2011 alle 08:15di Antonella

Categorie: Destinazioni, Stati Uniti | Tag: Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

I commenti sono chiusi.