Vai al sito Press Tours | Accesso riservato area agenzie
Dune in Namibia - Foto Archivio Press Tours (http://www.presstours.it)

Ex Monumento nazionale Usa dal ’36, Parco Nazionale degli Stati Uniti dal ‘94, lo spettacolare paesaggio alieno del Joshua Tree National Park è interessante per la varietà di ecosistemi e di uccelli nel sud-est della California, tra il confine delle Contee di San Bernardino County con il Riverside County, racconta Press Tours. La denominazione deriva dalle foreste e dagli esemplari sporadici di alberi di Yucca brevifoglia (Joshua Tree o Yucca palm), gli ‘alberi di Giosuè’ che crescono endemici nella pianura desertica tra la roccia nuda a massi sciolti nel Mojave Desert. La pianura circostante è interrotta da rilievi isolati di monadnock (o inselberg) dai fianchi scoscesi e dalla cima piatta, masse di magma raffreddatosi nel sottosuolo 100 milioni di anni fa, innalzati in superficie e resistenti all’erosione. Lungo la strada principale interna da est a ovest, è di richiamo la formazione rocciosa di Skull Rock erosa fino ad assomigliare a un teschio. Mentre nel margine a sud-ovest si ergono le Little San Bernardino Mountains, nella parte orientale del parco si scende al di sotto dei 900 m, cambia il paesaggio e l’ecosistema: nel Colorado Desert crescono cespugli di creosoto sempreverde a piccoli fiori gialli, oltre a piante di rinsecchito ocotillo, di tetragonia dalle foglie carnose, di Yucca e giardini naturali di ‘cactus Cholla orsacchiotto’ ammantati come un peluche da spine robuste. Più in basso, sul lato sud-est del parco naturale, si estendono le praterie a terreno sabbioso e le dune del deserto della Coachella Valley, che si può ammirare dal punto panoramico a Keys View (sud) fino a oltre il Salton Sea, il lago (salato, di origine alluvionale) più grande in California. Nell’area selvaggia desertica, gestita dal National Park Service (NPS), il campeggio e l’accesso ai cavalli sono regolamentati, come le mountain bike su apposite strade sterrate.
Numerosi sentieri escursionistici (Indian Cove, Cholla Cactus Garden, ecc.) a percorso più lungo (Boy Scout Hiking ed Equestrian Trail, Lost Horse Mine, Lost Palms Oasis, Fortynine Palms Oasis) o breve (una dozzina) conducono all’interno del parco. Anche da alcune di queste passeggiate, come attraverso la Hidden Valley, si può ammirare lo scenario di bellezza naturale senza addentrarsi troppo nel deserto. Altri percorsi conducono ai resti dell’epoca delle miniere d’oro, mentre migliaia di arrampicate su rocce alte al massimo 70 m sono di facile accesso per tutti i livelli di difficoltà.
In cinque oasi, popolate da animali selvatici, abbondano esemplari della nativa palma californiana California Fan Palm (Washingtonia filifera). L’attività di birdwatching è interessante nelle oasi delle Fan Palm, a Barker Dam (Big Horn Dam, diga di ritrovo della fauna selvatica), alla Cottonwood Spring Oasis e allo Smith Water Canyon per la presenza di oltre 250 specie di uccelli stanziali e migratori, mentre la Queen Valley e la Lost Horse Valley, carenti d’acqua, ne ospitano altre (picchi, cince, ecc.).
Accessibile da tre ingressi, visitabile con tour guidati su veicoli a quattro ruote e programmi dei ranger, lo Joshua Tree National Parksi trova 250 km a est di Los Angeles, a tre ore di guida a nordest di San Diego o a sud-ovest da Las Vegas, mentre l’aeroporto più vicino è a Palm Springs.

Fai il preventivo sul nostro sito per il tuo tour in California clicca qui.

Pubblicato il 28 aprile 2011 alle 16:02di Antonella

Categorie: Destinazioni, Stati Uniti | Tag: Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento