Vai al sito Press Tours | Accesso riservato area agenzie
Zambia di Gianni soffritti

ZAMBIA – Appunti di viaggio

Zambia… un nome senz’altro evocativo ed enigmatico. Difficilmente si può pensare ad una sua esatta ubicazione, di fronte ad un mappamondo in bianco e nero. Ci si immagina sia nell’Africa Nera, un luogo povero, insicuro ed irraggiungibile.

Invece si tratta di una parte di quella che fu la Rhodesia, un territorio immenso che un bel giorno, il Signor Rhodes decise essere il suo proprio “giardino”, col benestare della Corona inglese, naturalmente. Ma per certi versi, si ritorna al punto di partenza. Zambia……

Ciò che apparentemente sembra meta lontana ed inaccessibile è invece incredibilmente vicina.
Grazie ai nuovi collegamenti operati da KLM, è possibile arrivare alla capitale Lusaka con voli diretti da Amsterdam, effettuati con modernissimi Airbus 330 di ultima generazione e con la invidiabile opportunità di poter partire direttamente dalle maggiori città italiane. Direttamente da casa propria allo Zambia, in un percorso quanto mai semplice, puntuale ed efficiente, distaccati dalle ansie delle faticose coincidenze ed accompagnati unicamente dal desiderio della scoperta…

In uno stato indipendente da ormai 50 anni, le ottime condizioni delle principali strutture ricettive, si affacciano nel dedalo di un paese ancora poco conosciuto, addirittura per certi versi vergine, dove a fare la parte del “leone” sono “nient’altro” che la Natura e la Naturalezza.

Una natura selvaggia che vede materializzarsi un intricato bouquet di una savana ricca di animali selvaggi di ogni sorta e genere, cascate maestose, paesaggi e colori mozzafiato che nessuna fotografia potrà mai realmente immortalare.
Grattino Zambia Gianni Soffritti Press Tours

Da sola la Natura, nelle sue forme più intriganti, varrebbe il viaggio ma sicuramente la cosa che più colpisce e lascia il segno è invece la “naturalezza” dei rapporti umani.
Gli abitanti dello Zambia, oltre ad essere persino affascinanti, hanno un carattere che rasenta la rarità.
Mai ed in nessun caso si ha la percezione di essere in pericolo o anche solo minimamente disturbati dalle genti locali. Invece basta lasciar trasparire uno sguardo di curiosità o anche solo di riflessione, per ricevere immediatamente un abbraccio di calore umano. Prima si sincerano di poterti aiutare in qualche modo e poi si lasciano con spontanea curiosità in conversazioni piacevoli e persino rilassanti. Il tutto, in un inglese quasi mai stentato.
Una sensazione di pacatezza che non penso possa avere un valore realmente calcolabile.

Nemmeno per il viaggiatore più esperto.

A chi desidera un qualcosa di straordinario… Zambia!!!

Pubblicato il 17 luglio 2012 alle 10:32di Giovanni Frenda

Categorie: Diari di Gianni, Diari di viaggio | Tag: Tags: , , , , ,

Lascia un commento