Vai al sito Press Tours | Accesso riservato area agenzie
White House, Washington (Usa)

A Washington, lo Smithsonian’s National Air and Space Museum esporrà al pubblico a ingresso gratuito il ‘Codice sul volo degli uccelli‘ di Leonardo da Vinci dal 13 settembre al 22 ottobre 2013. Questo trattato di primaria importanza per l’aeronautica scritto in epoca antecedente ‘800, tra i più importanti del patrimonio culturale d’Italia, è un piccolo taccuino tascabile raramente esposto al di fuori d’Italia – spiega Press Tours – che verrà concesso in prestito dalla Biblioteca Reale di Torino per l’esposizione a ingresso gratuito a Washington (capitale degli Stati Uniti d’America) nell’ambito della ‘The Wright Brothers & the Invention of the Aerial Age gallery’ nella prestigiosa sede dello Smithsonian’s National Air and Space Museum dedicato a commemorare lo sviluppo nazionale dell’aviazione e del volo nello spazio.

Il ‘Codice sul volo degli uccelli’ è un manoscritto stilato all’incirca nel 1505-1506 da Leonardo da Vinci che raccoglie le osservazioni geniali nel corso dell’analisi meticolosa del comportamento in perfetto equilibrio dei volatili durante la volata e dello studio delle leggi fisiche che governano la funzione dell’ala, della resistenza e del bilanciamento nei confronti dell’aria, del vento e della corrente nell’atmosfera per dedurne le istruzioni applicative per costruire una sorta di macchina volante pilotata dall’uomo. Questo breve trattato è sorprendente per gli schizzi accurati e le descrizioni meticolose di dispositivi meccanici rigorosamente rispettosi dei principi aerodinamici di volo che sono concetti iniziali anticipatori di 4 secoli dell’invenzione dell’aereo. Racchiuso in una teca protetta progettata per l’occasione, il ‘Codice sul volo degli uccelli’ sarà esposto nel contesto di The Wright Brothers & The Invention of the Age, nello Smithsonian’s National Air and Space Museum, dove alcune postazioni interattive consentiranno ai visitatori di sfogliare in modo virtuale i 18 fogli compilati fronte e retro che compongono l’opera.

Individuati nel centro di gravità e di resistenza delle ali le chiavi del rimanere sospesi in aria, Leonardo applicò tali principi base nell’allestire una macchina da volo per l’uomo costituita da una gabbia di ridotte dimensioni con inserite due ali meccaniche di grandi proporzioni in grado di muoversi in ascesa e in discesa sfruttando le correnti d’aria grazie a un complesso di giunti. Così Leonardo arrivò a un passo dall’individuazione delle leggi aerodinamiche che governano il sistema di volo degli alianti odierni, aerei privi di motore ma in grado di librarsi in aria. Interpretando uno dei più grandi sogni dell’uomo nell’antichità, il versatile e geniale Leonardo costruì e applicò alcuni metodi meccanici per il volo umano e tentò invano il lancio da una collina nei pressi di Firenze. Nelle intenzioni, l’opera avrebbe dovuto svilupparsi in 4 volumi sui segreti delle leggi di fisica che governano il volo dei volatili per costruire un apparato volante pilotabile dall’uomo. L’opera fu stampata a Parigi nel 1893.

Leonardo da Vinci fu un intellettuale eclettico e geniale tra i più importanti nella storia che si impegnò con successo in innumerevoli campi culturali creando capolavori come pittore e scultore, rivelando il suo talento – come matematico, fisico, architetto, ingegnere, geologo, inventore, anatomista, musicista, ecc. – senza pari, registrando straordinarie idee lungimiranti in appunti raccolti in Codici rivelatosi preziosi per i posteri.

Fai il tuo preventivo direttamente sul nostro sito

pulsante creazione viaggioWashington Press Tours

Pubblicato il 14 agosto 2013 alle 11:24di Antonella

Categorie: Destinazioni, Stati Uniti | Tag: Tags: , , , ,

Lascia un commento