Vietnam, un passo dopo l’altro SAPA

Mercato di Can Cau in Vietnam - Foto Archivio Press Tours (http://www.presstours.it)

Vietnam, un passo dopo l’altro SAPA

Questo è l’ultimo racconto del viaggio della nostra collega Alessia D’agostini, che lavora al booking Oriente Press Tours, la ringraziamo per i racconti che ha voluto condividere con noi ed i nostri lettori, racconti un pò diverso dai soliti diari di viaggio, la ringraziamo per le emozioni che ci ha trasmesso attraverso le sue parole.

Sicuramente a molti sarà venuta la voglia di partire per visitare il Vietnam, splendido paese, ricordiamo che Alessia sarà una delle ragazze che, se sceglierete di viaggiare con Press Tours, vi organizzerà il viaggio, secondo le vostre esigenze e rispettando le vostre aspettative, con competenza e amore per questo paese e per il suo lavoro.

“Fermati e respira! È stato il mio motto per tutto il tempo trascorso in questa piccola particolare zona del Vietnam.

Aria fresca di montagna, paesaggi che ricordano i borghi alpini, vestiti tradizionali delle minoranze etniche; questo è il paesaggio di Sapa, piccola località del Nord-Ovest ai confini cinesi, dove il turismo sta divenendo un vero e proprio boom.

Un biglietto del treno fino alla stazione di Lao Cai, partenza di notte da Hanoi; basta questo per arrivare nelle terre verdi del Nord.

biglietto treno vietnam

I treni vietnamiti sono tutt’altro che scomodi, antichi o sporchi.. portatevi sempre comunque un sacco lenzuolo, e viaggiate in prima classe. Detto questo sono perfettamente in orario e le cuccette sono comode per dormire un’intera notte.

All’alba arriverete alla stazione di Lao Cai, e da lì impiegherete circa altri 40’ minuti di auto o pulmino per arrivare a destinazione.

Vietnam Alessia paesaggio

Curva dopo curva, inizierete a vedere il paesaggio tipico dei terrazzamenti di riso; bambini che giocano nei campi, donne che lavorano la terra, uomini…che non si vedono. Le minoranze etniche di questi posti hanno sviluppato un mercato fiorente di guide improvvisate, spesso e soprattutto donne locali nate e cresciute lì, le uniche che parlano inglese; gli uomini tendono a rimanere nei villaggi sulle montagne e non hanno contatti coi turisti per cui non parlano l’inglese.

Preparatevi a fare il trekking di almeno 2 giorni (dipende dal percorso) che vi darà la possibilità di dormire in una casa adibita all’ospitalità, ma con bagno in comune, letti tipici vietnamiti, ovvero materassi appoggiati su un letto di fieno, e cibo tipico locale. Durante il trekking sarete entusiasti di camminare fra queste montagne respirando un’aria fresca, pulita, quasi da desiderare di ritardare ancora la vostra dipartita”.

Vietnam Alessia paesaggio

 

Viaggio in Vietnam di Alessia D’Agostini

 

  • Seguici su :

No Comments

Post A Comment