fbpx

Sorridi sei a Bali, diario di viaggio

Bali Indonesia

Sorridi sei a Bali, diario di viaggio

Si dice che chi sorride sempre o è scemo o è falso! Ma questi sono pensieri comuni di noi Occidentali, abituati a vivere nel tran tran quotidiano e spesso con stress da città accumulato.

Ma se arrivi a Bali e non sorridi, vuol dire che hai sbagliato isola. Per cui ritorna per un attimo indietro, prendi quel volo interno da Jakarta o Yogyakarta e atterra a Denpasar! Oppure se arrivi via mare dall’isola di Giava basta imbarcarsi per poche rupie da Ketapank verso Glimanuk e, ‘SELAMAT DATANG’, ‘Benvenuto’ in terra balinese!

Qui c’è tempo per pensare e meditare e lo spazio giusto per respirare. Meditate silenziosi tra le verdi terrazze coltivate a riso del nord di Bali, fate tappa a Munduk.

Spiagge suggestive per vivere un meraviglioso tramonto tra surfhouse e amache sulla spiaggia, scendete a sud verso Seminyak! Templi hindu, popolo ospitale gallerie d’arte, vivete a Ubud!
Fate shopping e ballate fino all’alba; andate a Kuta!

io ombra Munduk Bali Indonesia
L’isola di Bali può regalarti il tuo tempo. Potresti, volendo, scomporre in ore, giorni, settimane, mesi e persino anni il tempo in terra balinese e avere sempre qualcosa da fare. Con un anno a disposizione puoi mollare tutto e prendere lezioni di Yoga, inseguire le onde del mare per dodici mesi su una tavola da surf.

bali donne sorridono Indonesia

Un paio di ore bastano invece per rilassarsi in una delle innumerevoli Spa e centri benessere di Bali. Si dice che il massaggio tradizionale balinese sia magico a tal punto da risvegliarti dopo un’ora con il corpo e spirito rigenerati.

Tanah lot Bali Indonesia

Basta un giorno per visitare alcuni dei templi più famosi dell’isola: Tanah Lot, è il simbolo di ogni viaggiatore che approda a Bali, tappa obbligata e quasi a volte scontata, ma visto che ci siete tanto vale vedere uno dei templi marini più venerati dai balinesi.

Ulu Watu Bali Indonesia

Pura Besakih; sulla parte orientale di Bali è il più importante tempio della civiltà Hindu balinese. Ulu Watu;tempio arroccato sulla punta sud dell’isola sulla sommità di una scogliera che cade a picco sul mare. È quasi un’esperienza spirituale quella di accedervi camminando lungo le ripide scalinate che portano fino alla sua sommità.

In una settimana (o anche due) potete affittare un’auto e guidare lungo le strade che sulla costa portano al centro di Bali; senza allontanarvi troppo potete guidare fino al Nord dell’isola e immergervi nelle isolate terrazze di riso di Munduk. È un villaggio caratterizzato da una fitta giungla, risaie e fresche cascate. Lungo il percorso si noteranno edifici e case risalenti al colonialismo olandese, oltre alle varie piantagioni di caffè e cacao importate proprio da quest’ultimi.

Tornate a prendere il sole a Sud, sulle lunghe spiagge di Nusa Dua, oggi dominio delle più rinomate catene alberghiere, ma che mantiene le sue spiagge sabbiose e un mare tranquillo. Se invece avete deciso di prendere il sole dalla parte di Seminyak non perdetevi l’occasione di mangiare pesce fresco appena cucinato (chiedo scusa ai vegani e vegetariani) sulla lunghissima lingua di sabbia in riva al mare.

Spiaggia Bali Indonesia

Bali è il sogno di chi vuole mollare la scrivania e concedersi una vacanza all’aria aperta con la comodità di avere tutto su un’isola, di avere un’isola a misura d’uomo, di essere partiti con un volo che sicuramente ci impiegherà come minimo 12 ore per arrivare….. di dire: ‘Sorrido sono a Bali’ e di tornare con una storia da raccontare.

Tramonto Bali Indonesia

Ringraziamo Alessia D’Agostini collega Press Tours che trovate al booking Oriente che ci ha raccontata l’emozione del suo viaggio in Indonesia del 2015 Isola di Bali.

Per informazioni sull’Indonesia vi rimandiamo al sito Press Tours

pulsante prenota su Press Tours

 

  • Seguici su :

No Comments

Post A Comment