Oaxaca (Messico): antiche tradizioni e turismo

Guelaguetza Messico foto turismo estado de OAxaca

Oaxaca (Messico): antiche tradizioni e turismo

Nel sud-est del Messico, lo Stato federato di Oaxaca dal passato storico ricco di tradizioni ancestrali è rimasto autentico negli usi e nei costumi tramandati nel corso dei secoli. Tra le vette che superano i 3.000 m s.l.m. nella Sierra Norte, gruppi di popolazioni indigene hanno continuato a vivere in armoniosa organizzazione comunitaria nei villaggi Pueblos Mancomunados (Paesi Associati) conservando lingua e stile di vita propri (abbigliamento, riti mistici, scambio di merci, volontariato). Alcune cooperative di comunità indigene organizzano itinerari di turismo attivo e di ecoturismo. Il sistema di sentieri rurali ben segnalati dei Percorsi della Natura di 100 km consentono di procedere a piedi, a cavallo e su mountain bike. I popoli indigeni che si tramandano antichi rituali tradizionali accolgono i visitatori in 5 Pueblos Màgicos (Paesi Magici): Capulálpam de Méndez, Huautla de Jiménez, Mazunte, San Pablo Villa de Mitla, San Pedro y San Pablo Teposcolula.

La regione di Oaxaca offre diverse attività ricreative: escursioni a piedi o a cavallo su sentieri tra i boschi, pesca nei limpidi corsi d’acqua della Sierra, birdwatching di aquile reali e condor a più di 3000 metri di altitudine tra le cime della Valle Centrale, visite per conoscere usi e costumi delle accoglienti comunità indigene degustando caffè di coltivazione biologica locale. Tra gli scenari unici sono da annoverare la cascata pietrificata di Hierve el Agua e, presso la chiesa a Santa Maria del Tule, il cipresso millenario di Montezuma di oltre 40 metri di altezza e 14 di diametro.
I Circuiti della Valle Centrale di Oaxaca conducono a scoprire le diverse caratteristiche tradizionali nei villaggi della regione: il Circuito Ocotlán (artigianato, arte), il Circuito di Monte Albàn (archeologia, artigianato, gastronomia), il Circuito di Mitla (archeologia, architettura, tessuti, gastronomia).
Nella cinquecentesca città di Oaxaca de Juárez, capitale dello Stato federato di Oaxaca, i Percorsi nel Centro Storico coloniale (Patrimonio dell’Umanità UNESCO) conducono a musei, chiese, ex conventi, gallerie d’arte, mercati, giardini. Costruita attorno a una piazza centrale (Zócalo), ai giorni nostri Plaza de la Constitución, la città di Oaxaca conserva un tesoro architettonico di edifici e di monumenti storici civili e religiosi. A quattro chilometri a ovest di Oaxaca, nella valle nella Sierra Madre del Sur, il sito archeologico di Monte Albàn (Patrimonio dell’Umanità UNESCO) comprende edifici a forma di piramide, terrazze scavate sui fianchi delle colline e ampie pianure.

Le nove Baie di Huatulco si susseguono su 35 km di litorale della località marittima turistica soleggiata tutto l’anno. Le trentasei spiagge idilliache di sabbia dorata di Huatulco sono protette da numerose barriere coralline nell’Oceano Pacifico. Premiato per l’utilizzo assoluto di fonti di energia rinnovabile, il comune di Huatulco (Santa María Huatulco) è impegnato nella conservazione della biodiversità come nel caso del Parco Nazionale di Huatulco e del Parco Eco-Archeologico Copalita.

Crucero Huatulco

Sul litorale tra le città di Santa María Huatulco e di Acapulco, si affaccia la soleggiata località balneare di Puerto Escondido con una varietà di spiagge lunghissime. Su alcune di queste si infrangono ondate alte fino a 16 metri ideali per il surf a ogni livello come a Playa Zicatela, sede di prestigiose competizioni. Altri arenili sono lambiti da acque limpidissime e calme ideali per bodyboard, snorkeling e immersioni subacquee tra una varietà di specie di pesci e di aragoste.
Una serie di tour conducono nell’entroterra di Puerto Escondido a visitare il Parco Nazionale Laguna di Chacahua; Mazunte e il Centro Messicano di Ricerca e Protezione della Tartaruga per osservare le specie di questo rettile protette con divieto di caccia dalla metà degli anni 90; la Comunità di Ventanilla che conduce un programma di recupero ambientale (riforestazione delle mangrovie, riproduzione di coccodrilli in cattività, ecc.).

La rinomata gastronomia tradizionale del territorio di Oaxaca nacque dalla diversità culturale e culinaria che portò alla fusione di alimenti preispanici con spezie dell’Oriente. La cucina punta su specialità locali come le tortillas giganti (tlayudas); le sette salse (moles) a base di peperoni, spezie e cioccolato considerato tra i più pregiati del mondo, di lavorazione artigiana regionale in tipici mortai o in mulini di pietra; insetti, in particolare cavallette. Come diffuso in Messico, anche nell’Oaxaca si cucinano involtini di pasta di mais ripieni di carne e verdure (tamales) e il saporito formaggio filante (quesillo, oro blanco). Dalla distillazione artigianale di differenti specie di agave (maguey) si ottiene il Mezcal, bevanda tipica dello Stato di Oaxaca dalla quale deriva la Tequila.

L’elaborazione nell’artigianato iniziò a svilupparsi circa tremila anni fa nell’area dell’attuale Stato di Oaxaca: tessuti (lana, cotone), ceramiche (varietà di vasi e oggetti decorativi e di uso quotidiano) in particolare di terracotta nera (barro negro), cuoio, alluminio, colorate statuette in legno (alebrijes) di figure fantastiche influenzate dalla mitologia sacra degli antichi Zapotechi. Dei popoli precolombiani confinanti, Zapotechi e Mixtechi in contesa per la Valle di Oaxaca, sono state ritrovate le rovine dei siti archeologici di Monte Albàn e di Mitla.

Monte Alban oaxaca

Innumerevoli sono le manifestazioni etniche, artistiche, gastronomiche frutto della ricchezza multiculturale regionale dell’Oaxaca. Allegre e colorate sono le folcloristiche feste tradizionali annuali tra le quali la più importante nello Stato è la Guelaguetza. Per questa celebrazione, ogni mese di luglio le comunità paesane delle otto regioni dell’Oaxaca si riuniscono per presentare i loro balli tipici e per regalare prodotti al pubblico nell’Auditorio Guelaguetza presso il Cerro del Fortín. A novembre, per la Festa di tutti i Santi e Fedeli Defunti vengono preparati e donati altari funebri floreali tra musiche e canti. La Noche de Rábanos (Notte dei Ravanelli) a dicembre è dedicata alla lavorazione creativa dei ravanelli da parte di talentuosi giardinieri. In occasione delle Calende (sfilate), adulti e bambini in parata con la banda musicale regionale percorrono le strade decorate nel centro storico della città di Oaxaca.

Servito da aeroporti internazionali (Oaxaca, Huatulco, Puerto Escondido), autostrade superstrade nazionali, strade federali, lo Stato di Oaxaca è attrezzato con un’offerta alberghiera completa e diversificata in tutte le categorie e tipologie.

Scopri le offerte vacanza di Press Tours

pulsante prenota su Press Tours
Foto: Secretaria de Turismo del Estado de Oaxaca
  • Seguici su :

No Comments

Post A Comment