Islas Marietas (Nayarit, Messico): Parco Nazionale e Riserva della Biosfera

Logo Messico

Islas Marietas (Nayarit, Messico): Parco Nazionale e Riserva della Biosfera

Il Parco Nazionale Islas Marietas (Parque Nacional Islas Marietas) terrestre e marino dal 2005 e Riserva della Biosfera designata dall’UNESCO nel 2008 protegge un patrimonio di eccezionale ricchezza di biodiversità in Messico. Il Parco Nazionale Islas Marietas conserva e gestisce un arcipelago disabitato costituito da due isole (Isla Redonda, la principale, e Isla Larga) e da due isolotti e le acque dell’Oceano Pacifico attorno nel comune di Bahía de Banderas nello Stato federato di Nayarit. A poche miglia a sud-ovest della penisola di Punta de Mita, le isole Marietas di origine vulcanica sono lambite da acque con barriere coralline popolate da una straordinaria abbondanza di fauna marina e di avifauna. Queste limpide acque chiarissime sono ideali per praticare snorkeling, immersioni subacquee, kayak, paddle boarding e per birdwatching di uccelli marini.

Spettacolare per sorprendenti avventure di ecoturismo, il Parco Nazionale Islas Marietas è visitabile partecipando ad escursioni organizzate da un ristretto numero di tour operator autorizzati con guide specializzate che conducono in un’area designata attorno alle isole. L’esplorazione delle isolette popolate di rettili (lucertole, iguane, tartarughe terrestri, ecc.) è interdetta ai visitatori dal governo messicano, così come la pesca, la caccia e altre attività umane potenzialmente dannose per l’ambiente. Questa pacifica area marina in cui confluiscono diverse correnti al largo della Riviera Nayarit è l’habitat, l’area di nidificazione, di riproduzione, di riposo e di migrazione per centinaia di varietà di pesci (polpi, razze, delfini a coppia o in gruppi, ecc) e per uccelli marini (oltre 90 specie). Importante è la riproduzione di specie in via di estinzione, come la balena grigia e la megattera (in inverno dopo la migrazione annuale) e la tartaruga bastarda olivacea, oltre che di volatili (in particolare la sula piedi azzurri) con specie acquatiche di sule, sterne e gabbiani nelle più popolose colonie di nidificazione in Messico.

Soltanto con la bassa marea, attraversando con cautela a nuoto o su kayak un tunnel naturale lungo sei metri scavato dall’oceano tra gli scogli sull’Isla Retonda, si arriva alla suggestiva e assolata Playa Escondida (Playa del Amor). Questa incantevole piccola spiaggia di sabbia chiara appartata in posizione sotterranea è in parte celata da un cratere roccioso. L’origine della spiaggia non è opera della natura, ma delle esercitazioni militari messicane effettuate all’inizio del Novecento nelle Isla Marietas disabitate.


 

Scopri le offerte vacanza di Press Tours

pulsante prenota su Press Tours
  • Seguici su :

No Comments

Post A Comment